La naturale presenza della soia nelle farine

La soia è una pianta erbacea della famiglia delle leguminose, ricca di proteine vegetali di alta qualità. Per questo in molti territori se ne effettua la coltivazione, anche a livello nazionale. La presenza di tracce nel frumento, nelle semole e nelle farine è dunque inevitabile. Ma ciò non ne compromette la qualità.

Perché? La coltivazione della soia è una fase importante nella rotazione colturale perché aumenta la fertilità del terreno a favore della qualità del frumento che viene seminato successivamente. Se il grano viene seminato in un terreno in cui l’anno precedente era presente la soia, è abbastanza probabile che siano rilevati residui di soia soprattutto se non vengono utilizzati diserbanti a tutela della salubrità del grano.

Lascia un commento